© 2016-2019 THECLA Academic Press Ltd, Design by www.comunicati.ch

CARLA ROSSI
Doppio tributo ad un solo nome pago

  La musa delle rime d'amore del Bronzino

Una ricostruzione biografica puntuale, grazie a nuove indagini presso gli archivi fiorentini, permette di leggere le rime d’amore del pittore Agnolo di Cosimo, detto il Bronzino, tràdite dal codice Magliabechiano II.IX.10, alla luce di una vicenda affettiva personale reale. 

Redatte tra il 1543 e il 1566, ispirate da una musa in carne ed ossa (che non fu la Battiferri), le rime amorose alludono, tra espedienti retorici, nella scia del più pedissequo petrarchismo rinascimentale, ad una vicenda il cui svolgimento val la pena di seguire, soprattutto perché la loro esegesi permette di chiarire legami, familiari ed artistici, estremamente importanti nella Firenze del tardo Cinquecento.

Inserendo il CODICE: e-Books2019 al momento dell'acquisto si ha diritto al 20% di sconto

Inserendo il CODICE: e-Books2019 al momento dell'acquisto si ha diritto al 20% di sconto

GIUSEPPE TAVANI

Pro ai del chan essenhadors

  Nuovi saggi provenzali